domenica 1 marzo 2015

Le dodici fatiche di Ercole, di Anne Jonas e Frédéric Pillot

Le dodici fatiche di ErcoleLe dodici fatiche di Ercole by Anne Jonas
My rating: 4 of 5 stars

Pubblicate in albo di grande formato, con illustrazioni suggestive e non convenzionali, le fatiche di Ercole ci vengono riproposte in una traduzione dal francese che si attesta su un registro forse un po' troppo elevato per un lettore o uditore bambino. La narrazione risulta appesantita dai tanti epiteti scelti forse per evitare le ripetizioni o forse per l'apparente afflato epico. Il tono forbito del discorso non rende molto coinvolgenti le vicende, nemmeno quelle più tragiche o commoventi.
Il pregio del libro sono piuttosto le immagini, piuttosto forti per temi e scene, ma dotate di grande movimento e espressività. Sia quelle a pagina intera (e si tratta di una dimensione da foglio A4) che quelle a pié di pagina sono mosse, pittoricamente intense, cromaticamente vivide, espressivamente forti, con una icasticità di pose e atteggiamenti che richiama la scultura classica greca. L'immagine di Era addormentata su un letto di nuvole, mentre Zeus porge verso il suo seno il bimbetto Eracle affinché succhi il latte per divenire immortale (e le gocce di latte che continueranno a sgorgare dal seno della dea formeranno la Via Lattea, secondo il mito) è molto bella.
Trovo che sia un neo l'aver adattato i nomi latinizzandoli tutti, cosicché Eracle diviene Ercole, Zeus Giove, Era passa ad essere Giunone eccetera...ma perché?
Consigliato per i bimbi nel periodo della passione per i miti greci, con la lettura semplificatrice e vivacizzante di un adulto.








View all my reviews

martedì 24 febbraio 2015

La cosa più importante, parte 2




- Mamma, qual è la cosa più importante di tutte?
- Mh, l'amore, credo.
- Io penso che sia la vita.
- Ah, quindi non più la forza?
- No, perché se hai la vita puoi avere la forza, e l'amore. Se non hai la vita...non puoi avere niente.
- E' vero!

(Il passaggio di mio figlio da Anakin Skywalker a filosofo pre-socratico. Attendo di vedere le future evoluzioni!)


domenica 22 febbraio 2015

Along came trouble, di Ruthie Knox

Along Came Trouble (Camelot, #2)Along Came Trouble by Ruthie Knox
My rating: 3 of 5 stars

Ruthie Knox is an interesting writer, gifted, smart, with incredibly great narrative ability. In this book I think that she doesn't perform as usual, because I haven't found emotional tops or deep introspective analysis as in other books. The characters too aren't so memorable.
A medium read, not involving or sparkling but not annoying or boring.

View all my reviews

giovedì 19 febbraio 2015

Etty

"Dedicati ai piccoli, agli umili, ai deboli, e alla fine del percorso, troverai Dio come un dono".
Don Lorenzo Milani a Nadia Neri

Non so se Nadia Neri abbia trovato Dio, ma ha di sicuro trovato Etty, e lei è come una stella polare per trovare Dio.

Nadia Neri, Un'estrema compassione. Etty Hillesum testimone e vittima del Lager, Bruno Mondadori editore, Milano 1999

Etty Hillesum, Diario 1941-1943, Adelphi, Milano 1999
Etty Hillesum, Lettere,  1942-1943, Adelphi, Milano 2002

"Si vorrebbe essere un balsamo per molte ferite".
"Ho spezzato il mio corpo come se fosse pane e l'ho distribuito agli uomini. Perché no? Erano così affamati, e da tanto tempo". (12-10-1942)


martedì 17 febbraio 2015

Un colpo all'altezza del cuore, di Margherita Oggero

Un colpo all'altezza del cuoreUn colpo all'altezza del cuore by Margherita Oggero
My rating: 3 of 5 stars

I primi due libri della Oggero su Camilla Baudino sono fantastici. Umoristici, scritti con piglio, vivacità, pieni di riflessioni interessanti e di riferimenti colti ma non eruditi, coinvolgenti nella trama e anche un poco commoventi, capaci nella levità di farti riflettere sulla comune umanità, nei suoi picchi e nelle sue pecche. Dal terzo libro della serie, però, non avevo più trovato questi elementi, non in misura consistente.
E così è avvenuto anche in questo ultimo libro, di cui, delusa dagli ultimi, non avevo saputo niente fino all'altro giorno, quando mi è capitato sott'occhio in biblioteca. Ho pensato: chissà se Camilla si è ripresa, se è tornata sprint come agli inizi. E l'ho preso in prestito e letto.
Ahimé, la risposta è no. Camilla mi diviene una borghesuccia, Gaetano diviene insipido, i personaggi di contorno neanche si fanno ricordare, il giallo non intriga e non colpisce, la fine è deludente, perché non le viene dato corpo e senso nel libro. Ma soprattutto la Oggero non riacquista la prosa mossa e intensa che mi aveva conquistata ormai una decina di anni fa e la capacità di affabulazione che la contraddistingue ancor oggi ai miei occhi, e che avevo trovato in un altro suo romanzo, Risveglio a Parigi.
Perciò...mi vado a rileggere i primi due romanzi, La collega tatuata e Una piccola bestia ferita!



View all my reviews

lunedì 16 febbraio 2015

Dialogo dietetico/gastronomico

Mari al figlio: Non esagerare con il cibo, cicciotto...!
Figlio: Ehi, Mari...tozzo!!
...!






This is me...?!

Gunmetal magic, di Ilona Andrews

Gunmetal Magic (Kate Daniels, #5.5)Gunmetal Magic by Ilona Andrews
My rating: 4 of 5 stars

Adoro Andrea. Sì, molto più di Kate. Mi succede questo con la serie di Kate Daniels, vengo conquistata dai personaggi minori: Andrea, Dali, Jim...
Comunque, il libro è bello, la storia interessante, i due fantastici e la loro storia coinvolgente, ma a volte mi perdo in tutte le contaminazioni mitologiche degli Andrews o mi irrito per fusioni o semplificazioni di elementi degli universi simbolico-religiosi che conosco meglio.
In ogni caso, una bella lettura.

View all my reviews
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...